Il nuovo centro

Presentata richiesta di autorizzazione paesaggistica per la demolizione della Vister

Inviato da Gaia Spreafico il 4 Novembre 2019

Un nuovo passo per la realizzazione dei PII del Centro di Casatenovo, approvati dalla Giunta Comunale nel mese di settembre.

A seguito dell’approvazione infatti, una delle tre società coinvolte, Immobiliare Casatenovo srl, ha predisposto e presentato in Comune la documentazione necessaria per la pratica paessaggistica relativa alle demolizioni degli edifici dismessi del comparto Vister. 

Accordo di programma per il centro

Inviato da Gaia Spreafico il 31 Luglio 2019

REGIONE LOMBARDIA HA ESCLUSO L’ASSOGGETTABILITA’ ALLA VERIFICA DI V.I.A.

A BREVE L’ APPROVAZIONE DEI P.I.I.

E’ del 29 luglio il decreto del Dirigente dell’Unità organizzativa valutazione e autorizzazioni ambientali di Regione Lombardia che esclude dalla procedura di valutazione d’impatto ambientale  il progetto per il recupero urbano del centro di Casatenovo.

Un fondo rischi da 8 milioni per il Centro di Casatenovo nel Concordato Vismara

Inviato da Gaia Spreafico il 24 Giugno 2019

A seguito dell’adozione dei Pianti Integrati di Intervento per il Centro di Casatenovo (delibera di Giunta del settembre 2018) che, dopo un lungo iter di confronto con le proprietà,  hanno permesso all’Amministrazione Comunale di acquisire e pubblicare i progetti per il nuovo Centro, completi delle indicazioni economiche e di costi a carico dei privati per la realizzazione delle opere pubbliche a scomputo e dello standard qualitativo, in considerazione della situazione in cui si trova la società Vismara spa, la nostra Amministrazione ha deciso di inserirsi nel procedimento di co

Accordo di Programma per la riqualificazione del Centro: ultima chiamata

Inviato da Alfio Sironi il 8 Agosto 2016

Con le Linee guida integrative all'Accordo di programma, discusse nel Consiglio comunale del 29 luglio 2016, si riavvia il percorso verso la riqualificazione del centro di Casatenovo. Di seguito, in sintesi, i contenuti e le novità legate alla nuova ipotesi operativa.

Da dove nasce la necessità di nuove integrazioni all'Accordo di programma